Melo compri papà?


Melo andrà a giocare ai Nets o raggiungerà Stat non solo per le serate?

Quest’estate è iniziata una telenovela che non si vedeva dai tempi di Beautiful, con giocatori che dichiaravano in diretta nazionale la squadra dove sarebbero andati, altri che si mettevano d’accordo con i compagni di merende, altri ancora che puntavano al bersaglio grosso monetariamente parlando e rifirmavano per la propria squadra nonostante avessero opportunità forse più allettanti in altri lidi e altri che prendevano altri bei dollaroni per andare a giocare nella città mediatica per eccellenza.

Tra tutte le situazioni ne è venuta fuori anche una nuova, quella del “adesso sono qui, domani chissà“. E’ la situazione di Carmelo Anthony ovviamente che già da luglio ha dichiarato che non ha intenzione di firmare l’estensione con Denver alla scadenza del contratto, prevista a luglio 2011. Melo avrebbe anche dichiarato che la sua destinazione preferita sarebbe New York, sponda Knicks e da quel momento ovviamente sono iniziate le speculazioni.

Logico che quando si tratta di un giocatore di questo livello (Anthony è una sicura All Star e tra i primi 5 giocatori della lega), un giorno sì e l’altro pure si parla di trade con lui coinvolto e più ci si avvicina alla deadline e più questi rumors aumentino.

Da mesi ormai una delle squadre che più è uscita allo scoperto per assicurarsi i privilegi del numero 15  è stata New Jersey, per ovvi motivi. Sia perchè Prokhorov è alla ricerca di una star da mettere nella sua squadra per fare il botto, sia perchè tecnicamente questi Nets hanno bisogno di una guida, avendo una buona pletora di giocatori di medio livello ma che ancora non ne fanno una squadra  da Playoff.

Gli ultimi rumors parlano di uno scambio a tre squadre, con Detroit coinvolta che si prenderebbe contratti in scadenza e scaricherebbe quello di Hamilton proprio ai Nets, che darebbero Favors ed Harris ai Nuggets e Murphy ai Pistons e prenderebbe Melo, Billups ed Hamilton, con questi due che tornerebbero a giocare insieme.

Sostanzialmente New Jersey si ritroverebbe a giocare con Billups-Hamilton-Melo-Humpries-Lopez. Un quintetto che con un Rip ritrovato potrebbe dire la sua ad est, ma che difficilmente potrebbe arrivare ad essere una contender.

A me questa trade lascia un po’ perplesso. Denver forse non potrebbe ottenere di meglio, anche se sta cercando di sbolognare anche il contratto di Harrington a qualche galantuomo che se lo volesse accollare. New Jersey guadagnerebbe un’All Star e due giocatori forse in parabola discendente ma sicuramente superiori a quelli attualmente a Roster. Detroit guadagnerebbe spazio salariale con i contratti in scadenza.

Tutti contenti allora. Si Fa! No, almeno non ancora, perchè i Nuggets nicchiano (chissà poi perchè) e soprattutto, credo, nicchia Melo. Perchè onestamente i Nets non sono la squadra con cui tentare l’assalto all’anello, soprattutto perchè oltre a 4 uomini molto validi avrebbe poco altro. Poi, perchè tutto sommato tra l’aver vicino Billups, Hamilton e Lopez e l’aver vicino sempre Billups, JR Smith, Nenè, Martin e una panchina profonda (JR lo metto tra i titolari perchè è lui e non Afflalo a giocare i momenti caldi) con Karl alla guida, preferisco sempre la seconda soluzione.

Logico che quindi alla terza scelta del 2003 (che se non fosse stato proprio per i Pistons che scelsero Milicic sarebbe stata la seconda dietro a LeBron) venga fuori più di un dubbio, soprattutto nel rifirmare l’estensione triennale, e preferisca aspettare la naturale scadenza del contratto per firmare da Free Agent per chi vuole. Lui sarebbe sempre interessato ai Knicks, e i Knicks sarebbero sempre interessati a lui, anche se non si sono più cimentati nel tentativo di portarlo subito nella grande mela data la richiesta dei Nuggets ritenuta eccessiva (si parla di Chandler più Gallinari e Fields).

Allora la tattica attendista è quella che sta provando Walsh, che a naso potrebbe anche avere una mezza parola con melo per una sua firma in estate senza dover smantellare la squadra.

Quello che però mi chiedo è se Anthony davvero servirebbe a questi Knicks. Logico che parafrasando una vecchia pubblicità “du star is meigl che uan” però le star devono anche avere un gioco tale da potersi integrare bene e Melo-Stat potrebbero voler troppo la palla in mano per rendere efficace anche l’altro. Decisamente meglio andrebbe con Chris Paul, in scadenza nel 2012. Con lui i Knicks farebbero davvero un ulteriore salto di qualità, ma qui si parla di fantabasket.

Tornando indietro nel tempo però ci si ricorda di un paventato patto a tre tra Stat, Melo e Paul, con il primo che avrebbe preceduto gli altri nella grande mela e avrebbe preparato il terreno a un altro trio di star modello-Heat. Così la musica cambierebbe, con tutti e tre insieme e D’Antoni ad allenare si andrebbe di corsa e i possessi sarebbero sufficienti per tutti.

Intanto vediamo se si chiude lo scambio con New Jersey, che vogliono presentarsi a Brooklin con un beniamino della zona, poi capiremo come si muoveranno le altre squadre di conseguenza.

My two cents? La trade non si farà e Melo firmerà da FA con i Knicks. Il problema è che lo dicevo anche quest’estate con James. Tifosi di New York, siete tutti autorizzati ad appoggiare la mano sulle zone nobili…

Categorie: NBA | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: