Gara 3 a Miami, Dallas con le spalle al muro


LeBron James schiaccia e gli Heat danno una spallata ai Mavs

Si è da poco conclusa Gara 3, la prima gara casalinga di Nowitzki e compagni e la conclusione non è stata delle migliori per i texani. Miami infatti fa sua la sfida e si porta sul 2 a 1 riequilibrando il fattore campo a proprio favore.

La statistica che fa tremare i tifosi di Dallas è questa: in una serie 1-1 chi vince gara 3 vince il titolo nel 74% dei casi. Gara pivotal se ce n’è una dunque, come molti si aspettavano. Certo, dopo la vittoria in Gara 2 le speranze per la squadra di Mark Cuban si erano considerevolmente alzate, anche se in pochi si aspettavano una serie di tre vittorie casalinghe dei suoi e per la maggior parte degli addetti ai lavori, in una serie dal formato 2-3-2, la squadra senza il fattore campo favorevole per vincere deve necessariamente far sue 2 gare in trasferta.

L’importante però per i Mavs è non perderne altre in casa, perchè il tutto suonerebbe come una solenne condanna.

Necessario dunque ripartire subito, nella notte tra martedì e mercoledì, e ripartire da quanto di buono fatto vedere nelle gare precedenti, anche in Gara 3, persa di due punti ma con il possibile tiro del pareggio nelle mani di Nowitzki, che ha dimostrato a più riprese di saper mettere questo tipo di tiro.

Errore che seppur ampiamente perdonabile a Dirk, che pure sta giocando con un dito della mano sinistra con un tendine rotto, è altamente doloroso, come ben sa proprio il tedesco, disperatosi nel momento in cui vedeva la palla rimbalzare sul ferro e uscire.

A Miami è andata bene alla fine, perchè nuovamente hanno giocato gli ultimi minuti di gara con isolamenti continui ora di Wade ed ora di James che poco hanno prodotto se non dei tiri senza ritmo. L’unico tiro derivato da un gioco un po’ più strutturato è stato quello di Bosh, a 39 secondi dalla fine, che ha dato il vantaggio definitivo agli Heat.

Il tiro, generato da un gioco che ha liberato l’ex Raptor dai 5 metri, è stato comunque reso possibile da un’invenzione di James, che ha dato una palla decisamente invitante al suo compagno.

Bosh, che fin lì nella serie tirava con il 29% scarso, frutto di un inguardabile 15 su 50 (e molti di quei 15 sono arrivati da schiacciata dopo scarico di Wade o Bosh) decideva di non passare il tiro come fatto in un paio di occasioni precedenti e si prendeva le sue responsabilità, affossando i Mavs.

Proprio Bosh pare l’anello debole di questi Heat. Inefficace in attacco, vittima di un ruolo che in questa serie non gli permette isolamenti ma solo tiri su scarico e quanto di poco gli concede lo script della gara (specialmente nei momenti topici), Chris si dimostra ancora un punto debole in difesa, nonostante qualcuno volesse far credere che il numero 1 (solo di maglia evidentemente) avesse migliorato il suo gioco in questo aspetto.

Quello che vedo io invece è un giocatore che viene regolarmente battuto dal suo avversario quando si trova accoppiato con Nowitzki e decisamente in sofferenza anche contro Chandler, che anche senza attaccare risulta determinante sotto le plance, come dimostrano i 7 rimbalzi offensivi catturati questa notte.

Per Dallas invece chi sta assolutamente mancando l’appuntamento con le Finals è Terry. Il Jet, che dovrebbe avere voglia di rivalsa contro gli Heat, essendo uno dei pochi ad essere presente anche nella serie del 2006, pare in confusione e il 13 su 34 con cui sta tirando nella serie è uno dei problemi maggiori che Dallas deve affrontare.

Sarebbe forse il caso allora di affidarlo a Holger Geschwinder, il famoso mentore di Dirk, che con qualche dritta potrebbe raddrizzare la mano anche a Terry, chiamato a dire la sua già da Gara 4, che si presenta fin da ora come la gara da dentro o fuori per i Mavs.

Con gli occhi piccoli come fessure a causa del poco sonno allora, aspettiamo martedì notte per vedere chi la spunterà.

Categorie: NBA | Lascia un commento

Navigazione articolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: